giovedì 30 luglio 2015

I 10 film preferiti di Luis Buñuel

luis-bunuel-secondo-dalì
Il regista dell'avanguardia surrealista spagnola, nonché uno dei miei registi preferiti, aveva una sua lista di film preferiti (almeno secondo open culture). 
In modo molto modesto ha inserito fra i titoli anche una sua pellicola, realizzata in collaborazione con Salvator Dalì. Nella Top10 di Buñuel ci sono alcuni vecchi film che proprio non conoscevo e si aggiungono alla mia interminabile lista di film che mi piacerebbe vedere.

  1. Le notti di Chicago – (1927, Josef von Sternberg)
  2. La febbre dell'oro  – (1925, Charles Chaplin)
  3. Ladri di bicicette(1947, Vittorio De Sica)
  4. La corazzata Potemkin – (1925, Sergei Eisenstein)
  5. Il ritratto di Jennie – (1948, William Dieterle)
  6. Cavalcata – (1933, Frank Lloyd)
  7. Ombre bianche – (1928, W.S. Van Dyle, R. Flaherty)
  8. Incubi notturni – (1945, Alberto Cavalcanti, Charles Crichton, Basil Dearden, Robert Hamer)
  9. L’Age d’Or – (1930, Luis Bunuel, Salvador Dali)
  10. Io sono un evaso – (1932, Mervyn LeRoy)

lunedì 29 giugno 2015

Cinema alla Radio24


cinema-alla-radio-24

Ho già parlato di cinema alla radio quindi quello che avevo da dire l'ho già scritto lì. Ho scoperto per caso che anche Radio24 ha due trasmissioni dedicate al cinema e sono praticamente il corrispettivo di quelle di Radio Rai (Hollywood party e Il Cinema alla radio).
Quindi segnalo e consiglio i podcast:

La rosa purpurea condotto da Franco Dassisti in un appuntamento settimanale, il sabato alle 18.
Si presentano le trame dei film in uscita nelle sale cinema e si integra con interviste ai protagonisti del settore; quindi ricorda una versione ridotta di Hollywood party.

Audiogrammi condotto da Paolo Corleoni e Laura Faggin in un appuntamento settimanale, la domenica alle 20.
Ricorda molto Il Cinema alla radio, anche qui si fa una trasposizione radiofonica dei film, con la particolarità che la selezione è fatta scegliendo quelli che vengono adattati da romanzi e quindi oltre a spezzoni del film trovano spazio letture di frammenti dal romanzo; altra differenza è che il film-libro viene diviso in due puntate.

domenica 7 giugno 2015

I nani, li avete visti

Il-nano-Tyrion-Lannister
Fa caldo, fa caldo e quando fa caldo vuol dire che l'estate è arrivata e con lei la ricerca del tormentone dell'estate.
Nel panorama della musica pop spiccano già parecchie canzoni che possono giocarsi il titolo, ma non sono quelle che mi interessano. Quella che vi propongo è una canzone fuori dal mainstream e prima hit dell'estate secondo i miei canoni, molto personali, la condivido perché ha anche legami con il cinema.
Si tratta de I nani di Richard Benson, il singolo estratto da "L'inferno dei vivi". L'album uscirà il 16 giugno ed è prodotto da Federico Zampaglione il front man dei Tiromancino che è anche regista (Nero bifamiliare, Shadow, Tulpa - Perdizioni mortali).
Alla regia del videoclip, che trovate qua sotto, c’è proprio Federico Zampaglione e devo dire che ha fatto un lavoretto simpatico.
Anche Richard Benson ha avuto a che fare con il mondo del cinema: compare nel ruolo di se stesso in Maledetto il giorno che t'ho incontrato di Carlo Verdone. Per approfondimenti sul personaggio, icona del trash, rimando alla pagina dedicata su wikipedia. Epico!



TESTO

Gobelini
cobboldi
elfi
eoli
la mandragola
il fico sacro
la betulla
la canfora
l'incenso
le ossa dei morti
buttate contro il nemico
i nani
i nani
i naniiiiiiii!!!
Rit:
i nani... (x32)
li avete visti
li avete visti
li avete visti
sulle rive del fiume
li avete visti
li avete visti
li avete visti
sulle rive del fiume
perché adesso non ho più paura dei nani
un tempo non li potevo vedere, mi facevano tanta paura
una paura bestiale, durante la notte
non riuscivo a dormire
non riuscivo a prendere sonno.