domenica 2 novembre 2014

Messaggi nascosti in The Walking Dead

The-Walking-Dead-Poster-Rick
The Walking Dead è una delle serie che seguo fin dagli esordi, come si può vedere dall'immagine del post Le "mie" Serie TV l'intenzione era quella di dedicarci un post sullo stile delle altre, invece lo spunto e la voglia per citarla sul blog mi è saltata fuori dopo la visione della 3ª puntata della quinta stagione.
Quindi in questa occasione non presento la serie, magari in futuro, ma se vi piacciono gli horror con gli zombie recuperatela sulla fiducia. Se invece siete in pari con la visione apprezzerete questo messaggio nascosto che nella giornata della ricorrenza cattolica della Commemorazione dei defunti ci sta proprio a pennello.

walking-dead-messaggi-nascosti
Nell'ultimo episodio al momento in cui scrivo – "Four Walls and a Roof" (S05-E03) – il gruppetto di superstiti all'epidemia zombie ha trovato un provvisorio rifugio dentro una chiesa, in alcuni fotogrammi (potete vederne uno nell'immagine qui sopra) compaiono delle sigle e dei numeri in una bacheca sulla parete. Non so in quanti si siano soffermati, io sì e mi avevano incuriosito.
Ovviamente corrispondono a dei versetti della bibbia e con una semplice ricerca in una bibbia on line si può scoprire a cosa corrispondono: 
Per mezzo del battesimo dunque siamo stati sepolti insieme a lui nella morte affinché, come Cristo fu risuscitato dai morti per mezzo della gloria del Padre, così anche noi possiamo camminare in una vita nuova. [Rom 6:4]
Io profetizzai come mi era stato ordinato; mentre profetizzavo, sentii un rumore e vidi un movimento fra le ossa, che si accostavano l'uno all'altro, ciascuno al suo corrispondente.
[Ez 37:7]
I sepolcri si aprirono e molti corpi di santi, che erano morti, risuscitarono.
[Ma 27:52]
In quei giorni gli uomini cercheranno la morte, ma non la troveranno; brameranno morire, ma la morte fuggirà da loro.
[Re 9:6]
Le donne, impaurite, tenevano il volto chinato a terra, ma quelli dissero loro: «Perché cercate tra i morti colui che è vivo?
[Lu 24:5]

giovedì 30 ottobre 2014

Film per Halloween - Ricetta per la famiglia

halloween-dolcetto-o-scherzetto
Il post dedicato alla Festa di Halloween, o meglio a una selezione di film con "atmosfera" da Halloween, è ormai una tradizione. Tante sono le ricette che ho suggerito in questi anni:
Questa volta ho voluto fornire una lista di film dedicati alla famiglia e quindi adatti ai bambini, più o meno grandi. Per scremare ho scelto di indirizzarmi sull'animazione, uno dei miei generi preferiti, ed è saltata fuori una lista di 10 film adatti per passare un Halloween in famiglia con o senza zucca. 
Io li ho visti tutti tranne uno, ovviamente la particolarità di questi film è che la cupezza e il terrore vengono stemperati dalle risate, in qualche caso a denti stretti. Se il lettore cerca qualcosa di più sanguinoso rimando alle precedenti "ricette", troverà di sicuro qualcosa adatto anche al suo palato.

» Ricetta per un Halloween adatto ai bambini

paranorman-film-halloween
  • La sposa cadavere (2005, trailer) 
  • Wallace & Gromit - La maledizione del coniglio mannaro (2005, trailer)
  • Monster House (2006, trailer)
  • Mostri contro alieni - Zucche mutanti venute dallo spazio (2009)
  • Scared Shrekless - Shrekkato da morire (2010, guarda)
  • ParaNorman (2012, trailer)
  • Frankenweenie (2012, trailer)
  • Coraline e la porta magica (2008, trailer, leggi)
  • Hotel Transylvania (2012, trailer)
  • Toy Story of terror (2013, trailer)

sabato 25 ottobre 2014

Montare film con Linux [Linuxday 2014]

linux-day-2014

Oggi è il Linux Day 2014 è anche quest'anno sono riuscito a trovare un argomento per conciliare l'ambito cinematografico con quello del pinguino e celebrare la giornata.
In questo post presento tre (e più) programmi che si possono usare per video editing e per creare film ed effetti speciali, sono: OpenShot, Lightworks e Blender.


OpenShot


openshot-editing-video-con-linux
Poche volte mi sono cimentato in piccole operazioni di montaggio, o per tagliare un video o per metterci una musichetta o un effetto di transizione fra spezzoni, in queste occasioni ho utilizzato OpenShot che secondo me è il più semplice da usare fra i software di editing video open source per Linux.
OpenShot lo consiglio al neofita che non vuole essere intimorito da interfacce piene di opzioni; questo è il programma giusto se volete creare piccoli video amatoriali senza perdere troppo tempo ad imparare procedure complicate.
Supporta video in alta definizione ed esporta in molteplici formati già confezionati (es. per DVD, Blu-Ray o servizi web come Vimeo e YouTube) oppure si possono crearne di personalizzati.
» Sito OpenShot


Lightworks


Lightworks-linux
Lightworks è un programma professionale per il video editing non lineare con risoluzione fino ai 4K (la versione free permette di esportare solo in MPEG-4 e alla risoluzione massima di 720p.).
Utilizzato anche per la realizzazione di film come Pulp Fiction e Mission Impossibile, quando è stato portato anche su Linux è sembrata una "conquista", ma bisogna tenere conto che - nonostante abbiano dichiarato che potrebbe esserlo nel futuro - per ora non è open-source. Altro fastidio è che per l'utilizzo richiede una registrazione.
Se questi attriti non vi fermano, io non l'ho provato, avrete un programma di livello avanzato con il quale sbizzarrirvi nel montaggio dei vostri film.
Lightworks è disponibile per Ubuntu e Fedora, oltre che Windows e Mac, scaricando i pacchetti dal sito ufficiale.
» Sito Lightworks

Nota - Esistono alternative opensource che non ho provato, ma voglio citare: Cinelerra, Kdenlive, LiVES e Pitivi.


Blender


blender-software-animazione-3d
Blender è il programma alla base della realizzazione di film di animazione che avevo già presentato in un precedente LinuxDay (Elephants dream, Big Buck Bunny, Sintel, Tears of steal). È un sofisticato software per la grafica 3D, le sue funzionalità sono equiparabili per caratteristiche e complessità a quelle di altri noti programmi come: 3D Studio Max, LightWave 3D e Maya.
È un programma tanto potente quando difficile da imparare, io non l'ho mai provato, ma a detta di chi si è cimentato dopo la salita della curva di apprendimento tutto diventa più chiaro e più agile il suo utilizzo. È un software multipiattaforma disponibile per Linux, Mac e Windows.